Indice Rilevanza

Al ballottaggio dell'8 giugno Rubeis acquisice anche i voti di Aldo Cerroni, candidato sindaco centrista al primo turno

Al primo turno l’avvocato (AldoCerroni) ha raccolto 1.601 voti (3,56%), al secondo turno si unisce al programma e organigramma di Rubeis

Ha voluto provare. Contarsi. Vedere qual è il suo propellente elettorale dopo due corsi amministrativi dove è stato protagonista di primo piano accanto a Filippo Lippiello, dal 2005 al 2008, e in un’opposizione razionale dal 2009 ad oggi.

Ora Aldo Cerroni è cresciuto. Pensa e agisce come un soggetto politico autonomo. E indipendentemente da tutto e da tutti ha scelto per sostenere Eligio Rubeis. Passato il periodo in cui era militante con il Partito popolare e poi la Margherita in Consiglio circoscrizionale. Aldo Cerroni la gavetta l’ha fatta tutta. Ora sarà lui a condividere con Eligio Rubeis dando indicazione al suo elettorato di sostenere la candidatura del sindaco uscente.
Cerroni al primo turno aveva fatto una scelta di equidistanza, tra De Vincenzi e Rubeis. Ma a guardar bene già in quella prima scelta c’era una presa di posizione verso il suo naturale approdo, avendo origini nel mondo di Centrosinistra di Guidonia. Eppure, già per il 25 maggio, Aldo Cerroni ha deciso di correre per conto suo. In questo modo ha fatto marcare una differenza più da De Vincenzi che da Rubeis.

Il suo approdo a Rubeis quindi è quindi logico. Il sindaco Eligio, uscente dal mandato di cinque anni, acquisisce al vantaggio già dimostrato con De Vincenzi – pari a 3.069 voti – anche questo margine in più.
Entrambe dovranno darsi da fare in questi nove giorni per diffondere la buona novella e convincere tutti gli elettori ad andare a votare, confermando o rinnovando il sostegno al candidato sindaco che conferma un’idea di centro e di condivisione. Questo candidato è Eligio Rubeis.