Manuel Lancia VS Pasquale Di Silvio
 

Sabato 20 luglio, ore 19, torna la boxe. La sfida è valida per il titolo italiano dei pesi leggeri. C’è il detentore Pasquale Di Silvio, “El Puma” contro Manuel Lancia. Una grande occasione per Guidonia che avrà l’opportunità di essere citata per un evento. Ed è la seconda occasione in cui la grande boxe è di scena nella Città dell’Aria. La prima, nel 2001, sindaco Stefano Sassano, fu con Orlando, figlio di Setteville. Oggi è di scena Manuel Lancia, figlio di Marcellina che ha conosciuto come suo mentore l’allenatore guidoniano Giuseppe Fiori. Manuel è un pugilatore d’attacco. Di Silvio ha classe da vendere. L’inizio è dedicato ai dilettanti con cinque incontri, poi spazio ai professionisti. Si tratta di un momento da non sottovalutare per la storia di questa città che ha la possibilità di trovare i riflettori nazionali per ragioni positive, come quelle di sport, attraverso gli eventi sportivi che altre realtà territoriali non coprono. Guidonia, non potrà mai essere Spoleto, nel senso della sede di incontro di un’aristocrazia radical chic. Guidonia ha in sé i germi di pasoliniane esperienze di vita, in cui la Boxe, rappresentata da ragazzi che trovano un indirizzo alla loro rabbia di espulsi dal circuito urbano nelle palestre di questi grandi maestri. Di certo, non esiste più un’emarginazione, così come ce l’ha raccontata Pasolini o Visconti in Rocco e i suoi fratelli. Ma la boxe preserva ancora quel momento del riscatto di cui tanti giovani possono far tesoro imparando, in palestra, a fare forza sulla loro forza che nel corso della vita significa anche volontà di intraprendere e fare. In tal senso quello di sabato 20 luglio non è solo un incontro che sarà ripreso alla tv, non solo uno spettacolo, bensì anche una grande momento di integrazione in cui il pubblico applaude questi ragazzi che ce la fanno.