Con lui il Ciclocross parte da Colleverde per arrivare alla Coppa del Mondo

Di Danilo D’Amico

Dietro all’organizzazione della tappa romana della Coppa del Mondo di ciclocross c’è un guidoniano: Fausto Scotti, attuale commissario tecnico della Nazionale. Fausto Scotti è cresciuto a Colleverde, quartiere del comune di Guidonia Montecelio, dove è rimasto fino a pochi anni fa prima di trasferirsi a Roma. Le radici, però, sono sempre lì: a Colleverde, dove vive con sua madre.
Il ct Scotti sta svolgendo un ottimo lavoro con la federazione di ciclocross che negli ultimi ha visto crescere il movimento che oggi può contare su 3mila praticanti ufficiali. L’obiettivo è quello di migliorare ancora, l’intero incasso della prova romana della Coppa del Mondo è stato girato alla federazione per sostenere le spese dell’attività giovanile. Una prova concreta di lungimiranza per una disciplina che forma l’atleta anche in vista delle prove su strada.
La carriera del guidoniano è piena di successi. Scotti è stato campione italiano di cross nel 1997/1998 e ha raggiunto 250 vittorie in carriera tra il 1985 ed il 2001 indossando anche la maglia azzurra. Negli ultimi anni con l’Asd Romano Scotti, associazione dedicata alla memoria del padre, altro grande uomo di sport, ha organizzato numerosi eventi di rilievo all’interno dell’Ippodromo delle Capannelle come il campionato italiano assoluto, il campionato Intersud e la tappa conclusiva del Giro d’Italia di ciclocross nell’anno solare 2011, oltre alla prestigiosa prova di Coppa del Mondo del 2013 e del 2014. Marco Aurelio Fontana, bronzo alle ultime Olimpiadi nel cross country, è l’atleta di riferimento di questo sport.
Nel 2013 Scotti è stato anche insignito del premio Spqr Roma Sport nella splendida cornice della Sala della Protomoteca in cui sono stati consegnati riconoscimenti ad atleti, dirigenti e società sportive.