L’estate porta buoni consigli per gli schieramenti. La contrapposizione tra centrodestra e centrosinistra potrebbe essere inadeguata a rispondere allo spirito di coalizione che matura in questa nuova fase. IL PD e Cinquestelle appaiono sempre più alleati, anche se il primo laboratorio di coalizione a Guidonia è fallito. Inizia a rispondere sul senso di questa nuova scena politica Giovanna Ammaturo. E parte proprio dalla contrapposizione dei due centri che vanno a sinistra o a destra. La destra potrebbe essere la nuova ipotesi di governo. “Se il sindaco Barbet avesse avuto la dignità e l’umiltà di dimettersi dopo l’implosione del M5S la Città sarebbe andata alle elezioni a settembre. Di certo avremmo presentato un candidato sindaco in coalizione tra partiti e movimenti di opinione di spirito liberale. Ovviamente esistono delle singolarità oltre alle ideologie conservatrici”. E sul partito di Giorgia Meloni, il suo partito. “Fratelli d’Italia sta compiendo grossi balzi nei sondaggi perché non ha mai tradito gli elettori e prima ancora gli Italiani tutti. Noi di FdI sosteniamo la preservazione o la ri-acquisizione della sovranità ​nazionale da parte del popolo in contrapposizione alle istanze e alle politiche delle organizzazioni internazionali e sovranazionali”. Tutto questo applicato a Guidonia. “Sono convinta che il ruolo politico a livello locale è mutato : è orientato a mettere in pratica al di sopra delle ideologie e svolge un ruolo preciso contrapponendosi a tutto ciò che è di ostacolo al raggiungimento degli obiettivi in armonia con gli alleati. Molti oggi sono costretti a non fare figli per colpa della disoccupazione o della incertezza. Aborto dopo aborto eutanasia dopo eutanasia sta vincendo la cultura della morte”… Di nuovo su Guidonia. ” Creare opportunità di lavoro, oltremodo aggravato dalla pandemia Covid-19 e dal tonfo dell’economia. Più lavoro, più dignità per tutti. Più ricchezza più ridistribuzione della stessa, migliore qualità della vita. Scegliere di non fare niente per un’economia depressa significa accettare un lungo periodo di patimenti”… A Guidonia Montecelio da novembre 2019 l’unico ponte che sovrasta la ferrovia alla Longarina è stato chiuso per cedimento. I soldi in bilancio prima c’erano, adesso non si trovano, i lavori aspettano, le file aumentano e gli operai non lavorano”… Per le scuole non sappiamo quanti e quali siano stati i progetti per la sicurezza anti Covid-19 finanziati con fondi europei. I bandi di incarico non sono stati ancora presentati. Per 520 mila euro si è dato l’incarico ad un architetto esterno, di cui nessuno ricorda il nome, mentre tra un mese le scuole debbono riaprire. Il restauro dell’antica chiesa di Sant’Antonio Abate è fermo perché i fondi sono stati dirottati ma nessuno conferma su quale capitolato. C’è una giacenza media superiore ai 16/17 mln sul conto corrente del Comune ma abbiamo centinaia di decreti ingiuntivi da parte di Società fornitrici e professionisti stanchi di attendere il pagamento delle fatture. È evidente che questa amministrazione non ha sensibilità né cuore di fare le cose e di ridistribuire ricchezza ai lavoratori”.