Protocollo d’intesa tra amministrazione comunale e settore estrattivo

Gli imprenditori del travertino tornano ad essere degli interlocutori per il governo della città e non dei nemici.

Il protocollo d’intesa firmato dal presidente del Centro per la Valorizzazione del Travertino Romano, Filippo Lippiello, e il Consigliere comunale con la specifica delega, Marco Bertucci, ha sancito questi primi cinque atti di volontà:

 

  • Pulizia delle strade e riorganizzazione della viabilità,
  • Rispetto dell’ambiente e manutenzione dei perimetri delle aziende estrattive
  • Rispetto dell’ambiente e manutenzione dei perimetri delle aziende estrattive,
  • Rilancio della filiera lavorativa mediante la redazione di un piano industriale,
  • Sponsorizzazione di opere pubbliche mediante la fornitura del travertino romano,
  • La stesura del regolamento per la coltivazione ed il ripristino delle cave.

 

bertucci

Cons.Comunale Marco Bertucci

Di qui debbono seguire i fatti. I due contraenti del patto hanno fatto sapere che vogliono portarli a compimento durante il corso di questa amministrazione comunale.

Secondo Bertucci “la firma del protocollo si pone come un chiaro segnale di svolta, continueremo insieme questo percorso con la volontà di tutelare l’ambiente e rilanciare lo sviluppo. Solo attraverso un dialogo costruttivo riusciremo a garantire il futuro di un settore che da lustro alla nostra provincia.”

I primi quattro punti rappresentano un modo per fare sistema, tra la città e il suo più importante asset industriale. Ma sicuramente tutta l’attenzione verte ora sul quinto punto, quello relativo alla coltivazione di nuove cave previo il ripristino delle cave dismesse. Su questa leva può nascere nuova occupazione e in contempo qualità per la città di Guidonia.