Guidonia lo ricorda come un giovane militante della destra dura e pura. La destra di Alleanza Nazionale che si poneva in modo più intransigente nei confronti degli avversari di sinistra, meno disponibile al compromesso. Molta acqua è passata ed ora Mauro Lombardo nei panni di avvocato di contenziosi ne ha dovuti dirimere per motivi professionali. Era inevitabile che lo stesso dovesse succedere anche nella sua esperienza politica. Alla fine dell’era Rubeis, Mauro Lombardo con altri esponenti politici ha condiviso l’idea che per Guidonia fosse giusto imporre una svolta che guardasse innanzitutto ai problemi pratici della città. Solo successivamente discutere per le differenze ideologiche. Ed è così che con pezzi che arrivavano dall’esperienza ex-Dc (Maurizio De Santis, Mauro Valeri e Aldo Cerroni) e recentemente con autorevoli rappresentanti del Pd (Paola De Domincis) è stato formato un polo civico che poi ha trovato un ulteriore rinnovamento chiamandosi Nuovo Polo Civico.

Le opzioni sulla città per cui anime provenienti da orientamenti diversissimi dovrebbero ben cooperare insieme non si conoscono. Il Nuovo Polo Civico ha avuto finora facile gioco nel puntare l’indice sull’amministrazione in carica.

Diverso è capire cosa fare nella città per superare dalla condizione di pre-dissesto del Comune, cosa fare per rilanciare l’occupazione, quali rapporti si intendono avere con i grandi soggetti economici e con le loro necessità di espansione (Car, Buzzi Unicem, comparto del travertino), quale atteggiamento verso le tendenze edificatorie sempre presenti nella città, su quale disegno di ricucitura dei quartieri si può lavorare per trovare nuove compatibilità …

Nella precedente competizione elettorale il Polo Civico è arrivato vicino alla vittoria ma contro l’onda in piena del Movimento Cinque Stelle e il tradizionale centrosinistra il risultato pieno è stato mancato. In questi anni la forza civica che rappresenta in sé l’unità nazionale cittadina ha raccolto nuovi adepti. Ma è anche vero che gli annunciati rinforzi che si prevedevano da grandi elettori di Forza Italia, pare, negli ultimi giorni, abbiano ripiegato in altre direzioni.

La scommessa di Lombardo ora sarà quella di dimostrare se il reclutamento di portatori di voti denoti anche una tendenza sociale con passaggio di consenti da sinistra e da destra.

IL comunicato del Nuovo Polo Civico che annuncia la candidatura a sindaco di Mauro Lombardo