Al massimo come carta riciclata ma l’obiettivo resta liberarsi dai secchionnii

 

Quando Morena Boleo parla del suo lavoro come assessore all’Ambiente le sue parole si riempiono di qualcosa di maggiormente forte che la relazione della propria attività. Tutto si colora di un colore intenso che non si può rispecchiare semplicemente nel verde.

Come lo psichiatra Gregory Bateson, Morena Boleo – psicologa di profes – ritiene che l’ambiente, la città, debba intendersi come estensione della persona. Tanto che per viversi significa rispettare il luogo in cui si vive, in tutte le sue componenti: quelle animistiche, come quelle igieniche per cui la persona deve sempre sentirsi parte.

Assessore Boleo, Guidonia è tra i comuni che ricicla carta con maggiore qualità e produttività per il prodotto finale uscito dalla fase di ricomposizione. Vi aspettavate questo riconoscimento?

Il riconoscimento da parte del Consorzio Nazionale Comieco ha lusingato l’Amministrazione e riconfermato che l’impegno protratto e la continuità degli interventi di sensibilizzazione e monitoraggio da parte del Nucleo e dell’Assessorato Ambiente hanno permesso di concretizzare in ottimi risultati l’interesse dei cittadini per la propria Terra.
E’ possibile stabilire altrettanta qualità per il riciclo di altri materiali?

La qualità della Raccolta Differenziata dipende dalla concomitanza di molti elementi come ad esempio il riconoscimento delle parti del rifiuto da differenziare, la conoscenza delle informazioni riguardanti il ciclo dei rifiuti, il loro riuso e la loro destinazione. Evidentemente differenziare carta, cartone e cartoncino risulta di facilità immediata, mentre per alcuni rifiuti è di più difficile identificazione la componente dei materiali assemblati; tuttavia questo denota un grandissimo impegno ed attenzione da parte dei cittadini, ed il risultato ottenuto è diretta conseguenza del loro operato.

Quali sono le quantità di carta riciclata? Nel senso, quanta ne consegnata quanta ne esce prodotta?

L’Assessorato Ambiente monitora mensilmente la quantità delle categorie da differenziare, nel mese di Marzo la Raccolta della Carta è salita a 182.480 chili e parliamo di carta dalla qualità pura in cui altri elementi di impurità sono presenti al di sotto del 2%. Si potrebbe dunque pretendere un ricavo maggiore dai Consorzi che ricevono la nostra carta.

La carta è il primo elemento importante per stabilire la qualità del lavoro di differenziata. Come va con la raccolta di altri rifiuti differenziati?

La Raccolta Differenziata che a Guidonia è ormai abitudine da più di 5 anni, ha ovviamente fasi altalenanti che dipendono principalmente da ricorrenze particolari o periodi che annualmente si ripetono in modo ciclico, che possono influenzare i dati mensili che tuttavia si mantengono con gran soddisfazione al di sopra del 67% come media annua, toccando in alcuni lotti anche percentuali dell’80 %. E’ intenzione e volontà dell’assessorato Ambiente accompagnare Guidonia al raggiungimento di un’omogeneità di risultato in tutte le circoscrizioni, che oggettivamente hanno caratteristiche sociali, demografiche e geografiche diverse tra loro.

In pochi anni Guidonia è un comune di riferimento per lo smaltimento dei rifiuti. Quali sono i problemi ancora da risolvere?

La città di Guidonia è caratterizzata da alcune criticità a partire dalla disomogeneità del territorio e dalla disgregazione delle circoscrizioni che ognuna a modo proprio rappresenta una piccola o grande realtà. Gli interventi che puntualmente vengono portati avanti sono di sensibilizzazione in quelle aree con un substrato sociale “particolare”, di monitoraggio e di vigilanza. Altro nodo cruciale è il formarsi puntuale di discariche abusive che deturpano il nostro territorio e ammettendo la necessità di aumentare la vigilanza si dovrebbe anche far passare il messaggio che i “lanciatori del rifiuto” o gli abituali “scaricatori di mondezza” compiono non solo un vile reato ma affondano la prospettiva futura di bearsi del proprio territorio dimostrando un’imbarazzante inciviltà a discapito di tutti.

L’obiettivo di arrivare a una differenziata completa, senza secchioni in città è ancora un sogno oppure avete una data per arrivare a questo obiettivo?

Attualmente la Raccolta Differenziata porta a porta prevede il ritiro di ogni cassonetto stradale che non prevede la Differenziata, realtà che è stata mantenuta solamente in una circoscrizione, la prima in cui è partita la Raccolta, per una necessità esclusivamente pratica e che entro la fine dell’estate si dovrà comunque resettare grazie soprattutto al faticoso intervento di sensibilizzazione coordinato con l’Assessorato Ambiente e Nucleo Tutela Ambientale.

Il personale e mezzi a disposizione per la raccolta è ancora insufficiente. Chiederà un implemento in bilancio?

Per questa domanda Angelo devo anticiparti che il bilancio già prevede delle risorse altissime per la gestione della Raccolta Differenziata e sarebbe ideale utilizzare al meglio le risorse umane. A mio avviso e credo non sia solo speranza ma fattibilità, soprattutto con i criteri previsti dal bando della Raccolta Differenziata riusciremo ad avere uno stravolgimento (in senso positivo) sulle sorti della nostra città:
-raccolta dei rifiuti nelle strade extraurbane
-vigilanza per mezzo di dispositivi
-lettura microchip di cui saranno dotati tutti i contenitori
-implemento e fornitura contenitori
al fine di arrivare alla tariffazione puntuale