Ha riportato in Eccellenza la squadra uscita dal circuito migliorando le strutture del Ferraris

di Danilo D’Amico

Altemizio Armeni, detto “Massimo”, presidente del Villanova Calcio, entra nel ristretto club dei grandissimi del calcio. A sancire l’ingresso del patron della squadra guidoniana che milita nel campionato di Eccellenza con ottimi risultati è stata la consegna della Benemerenza della Lega Nazionale Dilettanti lo scorso 17 aprile in quel di Lignano Sabbiadoro. A premiare Armeni per i suoi 20 anni nel calcio dilettantistico è stato il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Giancarlo Abete. Armeni è stato capace di ricostruire il Villanova riportandolo in Eccellenza, migliorando il settore giovanile e costruendo una Scuola Calcio con quasi 300 iscritti. Inoltre ha migliorato le strutture dell’Attilio Ferraris, oggi uno dei fiori all’occhiello del calcio laziale. In precedenza Armeni aveva svolto un ottimo lavoro con lo Jenne, la squadra del suo paese, e con il MentanaJenne, società nella quale ha mosso i primi passi anche Danilo Alessandro, oggi stimato attaccante della Lega Pro. Un premio meritatissimo per Armeni, con la cerimonia che ha avuto luogo nell’ambito dell’evento del Torneo delle Regioni che ha coinvolto i migliori giovani della regione, tra questi anche un ragazzo, Daniel Giampaolo, che si è laureato campione d’Italia con la rappresentativa Juniores. Per il Villanova Calcio il viaggio al nord è stata anche l’occasione giusta per andare a caccia di talenti.