Indice Rilevanza

Iniziative di divulgazione per la cura della salute della donna, convenzioni con Confartigianato, favorire le occasioni per creare nuoa imprese al femminile ... IL percorso proposto dal Consigliere con delega alle Pari opportunità

Il programma che Anna Maria Vallati vuole condividere sulla delega per le Pari Opportunità

Le donne sono un valore aggiunto. Le donne sono una risorsa. Le donne sono la vera forza motrice di una società … Parole che per cogliere il vero rischiano di diventare retoriche se non si traducono operativamente. Anna Maria Vallati il 9 settembre ha avuto dal sindaco la delega alle Pari Opportunità che le dà modo per proporre politiche di valorizzazione della figura femminile. Questo sia nell’attività produttiva che nell’ambito della cultura. Il percorso pensato da Anna Maria Vallati guarda innanzitutto all’informazione da parte delle donne perché la prevenzione dei rischi nella propria salute diventi un argomento alla portata. “Ho previsto la realizzazione di convegni come di altre attività di divulgazione di conoscenza sanitaria da effettuare nei quartieri della città – spiega Anna Maria Vallati, professione commercialista e revisore conti, neoeletta Consigliere comunale, con la delega alle Pari Opportunità.

E spiega cosa intende per campagna di informazione sanitaria:  “La cattiva informazione è il peggior nemico delle donne. Un nemico contro il quale dobbiamo combattere sono le false credenze, le leggende metropolitane, i convincimenti di soluzioni facili a problemi per la salute. In tal senso fare una vasta attività di informazione”.

Poi c’è tutto quello che riguarda la salvaguardia e il ruolo sociale della persona. “Oggi il problema più sentito consiste nel lavoro – la premessa di Vallati – Ma è anche vero che il rapporto con l’attività professionale oggi è totalmente cambiato. Bisogna convincere le donne a credere nelle loro potenzialità, facendo cogliere opportunità importanti per valorizzare quel che sanno fare ma anche quel che possono apprendere attraverso attività di formazione”.

Una cosa è certa. Anna Maria Vallati non intende la sua delega come una monade che liberamente si muove nell’amministrazione pubblica di Guidonia. “Le Pari Opportunità debbono lavorare insieme ai settori amministrativi perché da ciascun ambito decisionale possono emergere possibilità occupazionali. E allora i primi due assessorati a cui naturalmente si può pensare sono le Attività Produttive e la Cultura. In effetti costituiscono un grande elemento per mettere insieme, energie, forze e voglia di fare”.

Un lavoro difficile, reso ancor più difficile in tempi di ristrettezza per le risorse finanziarie per la città. La soluzione di Anna Maria: “Ho pensato a delle convenzioni con grandi associazioni come Confartigianato. In questo modo trovare la possibilità di allargare lo spettro di vedute creando piccole imprese al femminile. Ho pensato anche alle banche per aprire un dialogo nel senso del creidto, ma non voglio accentrarmi su questo perché l’idea debbo ancora analizzarla”…

Di qui Anna Maria Vallati continua a indicare idee e soluzioni. Per le iniziative? “Il tempo per la messa in opera”.